Crea sito

sfroos

e semm partii…

1

Visto che non mi avete ascoltato e al mare non siete andati allora me vado io, quindi approfittando di San Giovanni vado a fare il week end lungo in montagna con gli amici.

E inoltre visto che mi sento ancora un po' turbato dal nostro sistema politico e dall'ideologia che non ci fa ragionare, vi lascio con una riflessione sul sistema maggioritario che ho scoperto avere origini bibliche.

Il cuore del problema è qui nella frase: 
(Sèmm al muund in düü e vöen me sta söi bàll, Siamo al mondo in due e uno mi sta sulle palle)

Caino e Abele, uno cattivo e imperfetto ma tanto bisognoso di perdono e Abele un giusto e fortunato che non ha bisogno di nulla, di lui dicono sia amico dei potenti.

Una sira el Caino el veed che rüva l'Abele
Una sera Caino vede che arriva Abele,

Incazzàa cume el soo mea cusè che ghe s'è ruta la tele...
incazzato come non so che cosa, perchè gli si è rotta la tele…

Caino che el g'ha mea la televisiòn
Caino che non ha la televisione

el diis che al limite ghe ròla sö un canòn…
gli dice che al limite gli rolla un cannone…

Abele a bùca vèrta e scandalizzàa
Abele a bocca aperta e scandalizzato

el ghe diis "Che vergogna, te seet anca un drugàa!"
gli dice "che vergogna, sei anche un drogato!"

"Vergogna de chii, che sèmm che dumà in düü…"
"Vergogna di chi, che siamo qui solo in due?"

quell'oltru ridendo el g'ha respundüü…
Qell'altro, ridendo, gli ha risposto…

"La Bibbia la diis, che g'ho de fàtt la pèll, "
La Bibbia dice che devo farti la pelle,

però me g'ho un sistèma che l'è ammò püssèe bèll,
ma io ho un sistema ncora più bello,

tiri sö i me stràsc e voo via me…
tiro su i miei stracci e vado via io…

te làssi che a giügà a tennis de par te,
Ti lascio qui a giocare a tennis da solo…

te làssi che a giügàa a tennis de par te!"
Ti lascio qui a giocare a tennis da solo…"

Ma tutto questo è propaganda e ideologia le cose non andarono così…
Si, bello e divertente lasciarlo giocare da solo ma ad essere realisti così non gioca nessuno!

qui tutto il testo e la traduzione
qui la versione originale della canzone

Van de Sfroos – Rosa del vento

0
Intervista:

Mi ricollego a quel  frammento splendido di Rosa del Vento, dove c’è questa esigenza sentita di una presenza perché l’amore non è solo fatto di discorsi ma c’è bisogno di una presenza davanti a te. Uno sguardo nel tuo sguardo. 

 
DVDS: Sì, è un frammento molto piccolo perché quando c’è di mezzo una sorta di preghiera non ci vogliono molte parole. Non ho mai visto una rosa in grado di graffiare un vento, non ho mai visto un vento che si dimentica una rosa. Se la vogliamo girare in preghiera, non importa di quale religione, non ho mai visto un uomo in grado di graffiare Dio o lo Spirito e non no ho mai nemmeno visto un Dio dimenticarsi di un uomo. Capitano cose belle o brutte nella vita di una persona, ma questa presenza costante di un Infinito sopra di te, che tu la voglia tradurre in religione, o semplicemente filosofia o di spazio tempo questa presenza costante c’è. Era una scheggia che come al solito parlava di vento e questa volta ancora di più. 
 
 

TESTO:
Se te podet fermess che 
che in due tira'l veent 
i niguj g'hann poca memoria 
ma l'erba resta in due l'è 
Se te podet fermess che 
anca se la tèra la gula 
anca se l'oecc el te sbrüüsa 
fermes che 
perché me cugnussi menga un veent 
che desentega una rösa

TRADUZIONE:
Se puoi fermati qui
dove c'è vento
Le nuvole hanno poca memoria
ma l'erba resta dov'è
Se puoi fermati qui
anche se la terra vola
anche se l'occhio brucia
fermati qui
Perché non conosco una rosa
in grado di graffiare il vento
perché non conosco un vento
che può dimenticare una rosa
 

Go to Top