Crum e le parole

Ventana– Crum potremmo parlare a lungo ma non ci capiremmo bene, non perché io sia migliore, anzi,  ma i termini hanno un significato diverso per me e per te.

– Ma che dici l’italiano è italiano, o no?

– Facciamo degli esempi: la ragione cos’è?

– E’ quello che riesco a capire, semplice no? Ho la mente e i sensi con quelli riesco a rapportarmi con tutte le cose, con il reale a dargli un ordine, una rappresentazione, a concepirle.

– Vedi già qua non ci siamo, per me la ragione è come una finestra spalancata, riesco a vedere quello che c’è fuori, la realtà, ogni tanto scopro qualcosa di nuovo, ne aggiungo un pezzo, cerco di vederla secondo la totalità dei fattori che la compongono. Ed è un cammino, sempre nuovo. C’è sempre una possibilità che si apre, che si spalanca. Passiamo ad altro se ti dico libertà? Tu cosa rispondi?

Crum mi guardò con faccia perplessa, ma non riuscì a ribattere.

– Libertà… Beh, libertà è non avere vincoli, poter fare tutto quello che voglio, aver la possibilità di scegliere, di fare e di sbagliare. Su questo concorderai

– Già, e allora che ci sto a fare? Sapevo già in partenza la tua risposta, ma anche qui io la vedo diversa. Vedi nel tuo modo di concepire la libertà tu sei al centro, tu puoi decidere di fare tutto a seconda di come ti gira, ma se facesse così il mozzo di una ruota della tua bici, non andresti lontano, mentre per me è capacità di aderire alla realtà, a qualcosa che non sei tu, è una forza affettiva che ti conduce ad un "Tu" ultimo. E della coscienza che ne pensi?

– La coscienza è da dove prendo i criteri per agire, quello che io sento dentro, "seguo la mia coscienza" tu no?

– La mia coscienza è la Voce di un Altro, sono cosciente di un ordine oltre me oggettivo, a cui liberamente posso aderire, vedi così anch’io "seguo la mia coscienza".
E la cultura ?…

– Adesso basta, ho capito che non ci si capisce..

– OK capito, non insisto Crum, alla prossima…

Precedente Libertà vo cercando Successivo Salone del Libro

0 commenti su “Crum e le parole

  1. Primo commento, l’immagine è bellissima la scelgo spesso per descrivere una finestra aperta sul …

    il secondo commento alla prossima visita.

    A presto.

  2. ma non smetterasi ai di far fare brutte figure al povero Crum?

    già

    nulla è coe si vede o come può sembrare,se sposti angolatura o metti lo zoom, tutto cambia…ma infondo infondo affacciandosi alla finestra del nostro cuore,gia sappiao cosa cercare

    feliz noches

  3. Graciete

    Ho messo quell’immagine per la sua ambiguità, ho visto il quadro dal vero, e ti posso assicurare che la signorina si fa ben vedere 🙂 Crum non guarderebbe la finestra…

    Dalì ne ha fatta una seconda versione per “vendetta” diversi anni dopo, è un po’ osè quasi porno, ma come la blogger qua dice possono derivare da un castissimo quadro di Friederich



    Crum è mio amico…

  4. Non ho visto il quadro dal vivo e immagino che ti riferisci alle trasparenze. Non conosco lo spagnolo ma in effetti mi piace perché mi ricorda Caspar D. Friedrich.

    Il commento non è proprio OT l’immagine è complemento del post se la considerassi osé non apprezzerei il bellissimo post che hai scritto.

  5. Anche Crum potrebbe essere amico mio.

    Anzi, a bene vedere, Crum sono io, in tanti momenti, della giornata. Ma la Misericordia non smette mai di agire….

    Grazie Factum, come sempre

    Fausto

  6. Gra

    forse non hai visto bene il link, fa lo stesso, per i complimenti non li merito, il merito va a Crum…

    Fausto

    Crum è dentro noi…

    Berilc

    Commento sulfureo, ma non un po’ non concordo dalla finestra io vedo escopro la realtà e il suo oltre, ma volgio ben sperare che questo Oltre guardando dalla finestra sappia bene cosa c’è…

Lascia un commento