Mosul

Gli ho sentiti leggere questa commuovente lettera dopo aver cantato “le Case di Mosul” ve ne propongo la lettura:

Ad agosto un giovane prete iracheno, Padre Sarner Yohanna, ha dettato al telefono dall’Iraq questa lettera per noi The Sun affinché ci venisse recapitata in sicurezza. Non è fantasia: è un’atroce realtà.
Ho letto questo scritto durante tutti i nostri concerti da settembre in avanti.
Ognuno di noi può fare molto per aiutare questi fratelli.
Un caro saluto e grazie per quello che farete,
Francesco Lorenzi – The Sun

“Ho ascoltato il cd che mi è stato regalato e in particolare la canzone “Le case di Mosul”: grazie, ragazzi, per il coraggio con cui avete finalmente contribuito a rompere il silenzio.
A volte, noi cristiani dell’Iraq, abbiamo la sensazione terribile di essere soli, dispersi nell’indifferenza del mondo, bersagli di una violenza inaudita e inconcepibile, a cui l’orecchio e l’occhio del mondo si sono ormai abituati.
Ho vissuto sulla mia pelle la violenza della guerra prima e di questo insensato genocidio adesso.
La mia famiglia è stata costretta a lasciare l’Iraq, come migliaia di altre famiglie. Il mio popolo è stato decimato, hanno ammazzato il mio vescovo, il mio insegnante di teologia e poi compagno di ministero. Oggi non sono consentiti i simboli cristiani, è stata introdotta una tassa per i non musulmani.
Le case dei cristiani a Mosul sono marchiate con una N, che sta per Nazareni.
I nostri luoghi di culto sono cenere e macerie.
Conversione all’islamismo o morte o fuga: queste le scelte che ognuno ha davanti.
La millenaria presenza cristiana in Iraq rischia di scomparire per sempre. Qualcuno ha parlato di “crimine contro l’umanità” … ma la nostra gente continua ad essere massacrata. La colpa? Essere cristiani e volerlo essere nonostante tutto.
Padre Ragheed, il mio maestro, morto ammazzato, mi diceva sempre: dobbiamo esprimere la nostra speranza restando presenti e soprattutto continuando a rendere presente Gesù Cristo nell’Eucarestia.
Ho da poco terminato il corso di studi a Roma e ora anch’io sono tornato nella mia terra a svolgere il servizio che mi è stato affidato: come Padre Ragheed, non posso smettere di fare quello che faccio.
Nella canzone dedicata a Mosul avete scritto: “Tacere è un più lento morire” Vi ringrazio, anche a nome della mia comunità, per le vostre parole che invece risuonano e che, grazie alla musica, viaggiano più veloci.
E più avanti scrivete: “Ci sarà sempre un pretesto qualunque, una distrazione invitante, per voltare le spalle”
Grazie, perché voi non lo avete fatto e questo ci fa sentire meno soli e dà alla nostra speranza la forza della condivisione.
Grazie a tutti. Di cuore. Siamo vicini in Cristo e uniti nella preghiera.
Vi benedico e vi auguro ogni bene nel Signore”
Padre Samer Yohanna