Le energie

– Hei Crum, David ha segnato ancora!
– Quel Trezeguet è una forza della natura
– Spiegati meglio, è forte, uno dei migliori, ma "forza della natura"?
– Si, la natura ha dentro un grande forza,  che ti fa andare avanti, che ti fa migliorare e in certi casi diventare l’espressione di questa forza, il migliore: forza pura!
– Vorresti dire che è per natura che l’uomo è spinto a essere migliore, ad avere questi virtuosismi?
– Si, la natura ti da questo impulso, questo istinto a fare bene, tutto ciò che è naturale è bene, mi immergerei tutto il giorno nella natura potessi! Ah se tutti seguissimo il nostro istinto naturale!
– Quello che stai dicendo è vero, se non fosse…
– AAAAhhh, sentiamolo!
– Che in pratica non siamo capaci di fare il bene! Che facciamo il male, che pensiamo al bene ma le opere che lo mettono in pratica le hai viste? Che abbiamo dentro una incapacità strutturale! Altro che natura, anche il fungo velenoso è naturale!
– Non ci siamo più allora, vuoi impedirmi di fare quello che mi viene d’istinto, quello che è naturale, quello che è bene!
– No, non ti scaldare, non ti sono nemico e poi vedi David ha l’istinto del gol 🙂 e lo esercita bene…

trezseguet

Precedente pace Successivo Poesia

0 thoughts on “Le energie

  1. Credo che venga naturale un gesto di bontà, ma c’è qualcosa come il peccato originale che lo corrompe, che nel tempo non lo fa tenere, saggia la Chiesa che riconosce questo.

    Il DVD è arrivato ora, grazie

  2. Veloci le poste . . .andrò a ringraziare! L’ho spedito ieri alle 11!

    E poi si lamentano sempre!

    Ciao, R

    PS, certa gente nasce con una carica di bontà che gli basta per tutta la vita! . . . 😉

    Non io, io sto lavorandoci da un bel po’ di anni!

  3. certa gente nasce fortunata…

    o lo diventa?

    certa gente ha una grande forza dentro

    e se ne accorge

    -altra no-

    ( però stavolta la Juve le ha prese in casa dai miei fratelli viola…he he he)

  4. Anche io ho un amico con il mito dell’ istinto, e guarda caso è un darwinista convinto. L’istinto è fondamentale per l’uomo, come lo è per ogni altro animale, ma supporre che l’ “istinto non fallisca mai” significa credere che l’istinto sia ordinato verso un fine e che quel fine sia “buono”, la qual cosa è smentita dall’esperienza di tutti i giorni (l’uomo che stupra la ragazzina segue un suo istinto). Ma poi l’istinto può essere benissimo pilotato. Lo stupratore può essere “incoraggiato” e sentirsi quasi “giustificato” nel suo gesto da un clima culturale che veicola la sessualità solamente come una mera soddisfazione delle proprie pulsioni. In questo c’è anche la tendenza, più o meno consapevole, di confondere “istinto” con “naturale”, il che se da una parte è vero (i bisogni primari) dall’altra rischia di ridurre l’uomo esclusivamente all’ambito zoologico.

    Aggiungo, per finire, che questa mitizzazione dell’istinto mi sembra sia anche una conseguenza di un certo stile di vita metropolitano, stressante e alienante, che allontanando l’uomo dalla natura lo porta ad avere nostalgia di qualcosa di “vero”, da lui identificato con l’istinto. Sbaglio?

  5. Faber

    hai centrato il punto, anche se poni ulteriori questioni interessanti, è vero il potere può pilotare benissimo questo istinto ed è molto facile per chi ha i mezzi per farlo, l’istinto tende anche ad abbassare il livello qualitativo di convivenza tra le persone e questo si vede tra i ragazzi benissimo, si sta insieme per non essere soli e la discriminante non è la verità del rapporto ma l’essere accolto, che è la base, la partenza, ma non il fine dell’amicizia.

    L’istinto si può educare in senso buono, come a David che ha l’istinto del gol ma deve essere supportato anche dal gioco di squadra.

    Così è per l’osservazione sulla mitizzazione della natura, lo diventa penso, non per la vita stressante ma perché non hai alternative, Dio l’hai già fatto fuori che ti rimane di bello: la natura.

    (Anzi Dio col suo dire sì e no, è visto come un potenziale nemico dell’istinto.)

    Ma quanto mi hai fatto scrivere, spero sia chiaro.

  6. Al contrario del personaggio/persona del dialogo, per me la Natura non è chiaramente né bene né male, non sono proprio due concetti applicabili ad essa. Come nel tuo esempio ci sono funghi velenosi per noi (ma magari “buoni” per altre creature) e altri funghi invece sono gustosi e nutrienti per noi (anche se nella mia scala di alimenti stanno molto lontani dall’apice).

    Anche il peccato originale e qualsiasi altra corruzione stanno fuori dal Mondo, sempre per quanto mi riguarda.

  7. Sor

    Il bene e il male penso non siano fuori dalla natura, ne fanno parte es. la mela mi fa bene, il Boletus Satanas mi fa male, la natura è neutra è una cosa da imparare a usare e rapportarsi con lei. Due cose mi rimangono della natura la bellezza eccezionale che a volte presenta, vedi montagne e altro e il fatto che mi dice che io non saprei mai realizzare questo.

    Il peccato originale forse è proprio questo, voler fare una cosa e non riuscirci.

Lascia un commento