“Nella prima giovinezza era partito per la città, poiché era stato chiamato ad annunziare la distruzione al mondo che aveva abbandonato il suo Salvatore. Nel colmo della sua furia proclamava che il mondo avrebbe visto il sole esplodere in sangue e in fuoco, e mentre lui infieriva e aspettava, il sole sorgeva ogni mattina, placido e contenuto, come se non solo il mondo, ma il Signore stesso non avesse udito il messaggio del profeta. Sorgeva e tramontava, sorgeva e tramontava, su un mondo che passava dal verde al bianco, dal verde al bianco, e dal verde al bianco di nuovo. Sorgeva e tramontava e lui disperava che il Signore l’ascoltasse. Poi un mattino, con sua grande gioia, aveva visto un dito di fuoco uscire dal sole e prima che potesse voltarsi, prima che potesse urlare, il dito l’aveva toccato e la distruzione che aveva atteso era scesa sulla sua mente e sul suo corpo. Era stato il suo sangue ad ardere e a inaridire, non il sangue del mondo.”

Il cielo è dei violenti – Flannery O’Connor