Il volto della Libia



Uno è anche i libri che legge, sto leggendo “Il cavallo rosso” di Eugenio Corti e c’è una parte del libro che mi ha un po’ angosciato, più delle descrizioni delle violenze e della capacità di male dell’uomo perché si sa il male è male può fare più o meno orrore ma ha lo stesso volto, lo stesso giudizio: è il male.

La cosa che mi ha angosciato è l’incertezza in cui vivevano i parenti in attesa di notizie, dove il male non si è ancora manifestato e il bene non ha vinto, il figlio partito in guerra sarà ancora vivo? Non arrivano notizie sarà un bene o un male?

Oppure verso la fine della guerra chi era nemico non sparava più verso di noi perché spossato e sconfitto e chi era dalla tua parte non lo era più anzi ti sparava addosso perché si era già all’inizio del dopo guerra e si lottava per chi doveva gestire il potere.

L’incertezza, l’informazione manipolata, la lotta per il dopo, e il male che non ha più questo nome ma avanza, e oggi la Libia ha lo stesso volto.

Eppure il giudizio è netto, come quello del Papa dell’Angelus del 27 Marzo 2011 “ rivolgo un accorato appello agli organismi internazionali e a quanti hanno responsabilità politiche e militari, per l’immediato avvio di un dialogo, che sospenda l’uso delle armi”.

O dello stesso E.Corti di un intervista per i suoi 90 anni che con due risposte secche da due graffi alla nostra mentalità:

L’Islam.
Sul piano militare il gap con l’occidente sembra essere ancora enorme. Ma gli islamici credono, gli occidentali non credono più in niente. Tra chi crede e chi non crede, vince chi crede. Dovremo anche qui affidarci all’intervento soprannaturale e alla Madonna. Per questo ritengo fondamentale le poco conosciute ma clamorose apparizioni di Zeitun, avvenute in Egitto nel 1968.

La guerra.
La sensazione fondamentale che ti dà la guerra è che non serve a nulla. Lo sa bene chi, come me, ha combattuto, prima sul fronte russo e poi in Italia nei “soldati del re”. La guerra è fatta per non essere fatta: non risolve niente.

E le bugie hanno le gambe corte e soprattutto non esistono bugie umanitarie come dimostra il giudizio di G.Ferrara dell’1 Aprile 2011.

Altra documentazione su questo è qui.

Il video citato da Ferrara è qua.

Confidenza

Ogni tanto mi capita di ascoltare le confidenze di qualcuno,  penso in quei momenti "Mi stai dando il massimo, ma io vedo così poco perchè?" qui sotto ho avuto una risposta. Qui una risposta simile di Pavese.

"Bisogna fare un salto in Paradiso. Nel cielo di Saturno tra i contemplativi (canto XXII, vv, 67·72) Dante incontra san Benedetto al quale, a un certo punto, pone delle domande che hanno questo significato: "Dimmi chi sei, mostrami chi sei, Mi hai parlato in modo così ardente che io oso porti la domanda delle domande: mostrami la tua anima".
"Fa eh ‘io ti veggia con imagine scoverta" chiede Dante a san Benedetto. Ci aspetteremmo una risposta positiva, ma san Benedetto risponde in modo imprevedibile: "La tua domanda è posta male, Se vuoi vedermi devi camminare con me; devi seguirmi fedelmente; devi attraversare con me il gran mare dell’essere; mi devi stare accanto in quanto il mio destino non è ancora compiuto". Se ci pensiamo bene, un’altra risposta non sarebbe stata possibile: se l’uomo è un destino che cammina. io riesco a riconoscere l’altro solamente nel momento in cui il suo cammino diviene il mio cammino; la stessa cosa accade anche per il lettore: solo una fedeltà nella lettura comporta la piena comprensione del testo."

dorè paradiso 

Passeggiando le pareti non sono bianche

“Giovanni e Romano sono due ragazzini dei giorni nostri che abitano nella stessa zona. Si vedono spesso al parco e giocano tra di loro. Un giorno Giovanni invita Romano a casa, passano il pomeriggio insieme e a un certo punto, in salotto, Romano vede qualcosa di nuovo e chiede: “Cos’è quella cosa lì?”; e Giovanni dice a Romano che è un crocefisso, e poi con i genitori gli spiega che cosa rappresenta.
Romano torna a casa e, prima di andare a letto, chiede alla mamma: “Mamma, lo sai cos’è il crocefisso?”, “Certo che lo so”, “Lo sai che Giovanni ce l’ha? Ha il crocefisso appeso in sala. Perché noi non lo abbiamo?”, e la mamma lo tranquillizza, gli dice che sa cos’è il crocefisso, e gli spiega che però loro sono una famiglia laica, che hanno determinati valori ma che non sono cristiani, e che quindi non tengono un crocefisso appeso in casa.
Poi, dopo una settimana, Giovanni è invitato da Romano a fare merenda a casa. A un certo punto Giovanni gli dice: “In casa tua non c’è il crocefisso, perché?”. E Romano, che si ricorda della chiacchierata con la mamma, gli spiega che la sua famiglia è laica, che hanno dei valori ma non credono in Gesù. Giovanni, anche lui colpito dalla novità, torna a casa e racconta tutto alla mamma, ne parlano insieme.
Senza isterismi, senza scene apocalittiche, i due bambini, da amici, si scoprono l’un l’altro. Questo è un racconto tipo di una situazione che chissà quante volte è già successa tra i ragazzini italiani. I due crescono insieme, non solo si tollerano, ma sono proprio amici, e le famiglie cominciano a conoscersi, pur nella loro differenza.
Poi bisogna andare a scuola. E in aula c’è il crocefisso. Romano torna a casa e dice: “Mamma, a scuola c’è il crocefisso come a casa di Giovanni: quindi hanno ragione loro?”. Qui, per una società plurale, si pone un problema. Ma questo problema si risolve levando il crocefisso dalla scuola?
Riprendiamo la storia da dove l’avevamo lasciata, e cambiamo il finale: questa volta è Giovanni che va a scuola e vede le mura senza crocefisso. Torna a casa e dice: “Mamma, sai che a scuola non c’è il crocefisso? Quindi ha ragione Romano?”.  Joseph Weiler (NY University): la laicità non è una parete bianca

cerro1Passeggiando virtualmente (Google Street View ) nel paese dove sono cresciuto mi sono imbattuto in un paio di luoghi in cui da ragazzo ero solito passare, il primo è una specie di rientranza del muro sulla strada che facevo andando da casa al cinema parrocchiale o tornando a casa dalla cartolaia, dentro questa rientranza c’è un affresco, non rimarrà nella storia come opera d’arte però sul quel muro è rimasto almeno a memoria di Factum.
E non ho subito turbamenti da questo.

cerro2
All’uscita dalle lezioni quando frequentavo la scuola elementare mi trovavo in questa piazza con quest’altro simbolo, non molto religioso, un cannone, un morto e l’angelo della vittoria (?) che incorona l’eroe defunto. Un po’ più inquietante di quello prima e anche meno chiaro, però anche da questo non ho subito turbe. Anzi da entrambi ho imparato un po’ della mia storia. E forse anche chi mi legge ora sa qualcosa in più della mia.